martedì 1 aprile 2014

Acquerello londinese

Della mia settimana a Londra ho ancora un sacco di foto da pubblicare, ma nel frattempo è da due giorni che sorrido perché ho comprato la cornice del primo quadro che appenderò nella mia casetta nuova (devo solo decidere dove appenderlo). Era da secoli che non disegnavo o dipingevo qualcosa, ma a Londra ho scoperto gli acquerelli. 

Gli acquerelli per me erano quelle placchettine rotonde di colore che avevo provato alle elementari. Li consideravo un po' frustranti: aggiungevo acqua nella speranza che colorassero di più, ma finivo soltanto col bucare il foglio.

Allora, dopo aver visto le meraviglie di Clyo (che per me è una versione sui generis del re Mida: tutto ciò che tocca viene impreziosito di colori e fantasia), mi è venuta voglia di provare di nuovo, e così le ho chiesto: mi insegni? E ho scoperto che gli acquerelli non solo possono avere anche forma rettangolare, ma essere incredibilmente divertenti!


Clyo si è seduta pazientemente di fianco a me, mi ha corretto l'inclinazione del foglio, spiegato le basi, e poi, ripetendo con severità perentorie indicazioni - 'troppo asciutto', 'crea una base liquida', 'se il foglio lo tieni orizzontale, non riesci a sfruttare al meglio il vantaggio dell'acqua' - mi ha regalato il primo acquerello fatto da me. 

Che è anche il primo quadro che appenderò nella mia casetta, per l'appunto. 


Dietro il foglio ho scritto il titolo, ma me lo sono già dimenticato.

11 commenti:

  1. Cioè, non solo ti sei fatta una vacanza a Londra in ottima compagnia, ma ci hai aggiunto anche un corso di acquarello gratis? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché, Clyo-guida-turistica non la conti? ;)

      Elimina
  2. ma bisognava aspettare di andare a Londra da Clyo per mettersi a fare cose gratificanti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. haha no, perché? Ne faccio tante altre, ma per gli acquerelli ci voleva Clyo :D

      Elimina
  3. Monetizza Alice, monetizza. Spaccia l'acquerello per l'opera perduta di un qualche famoso artista e ritrovata per caso nella tua soffitta :) ...giro di parole per dire che mi è piaciuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai fatta ridere, perché ora posso davvero dire di avere una soffitta! Solo che per arrivarci si rischia la vita e per ora ho tentato, invano, una volta sola! :D
      Grazie :)

      Elimina
  4. Mi hai fatto crollare il mito del grigio-fumo di Londra :D

    RispondiElimina
  5. Alice, hai fatto tutto da sola, perché dopo mezz'ora io sono andata a dormire... :-)

    Comunque mi piace che hai usato le parole "severità perentorie" senza accennare ad alcuna minaccia fisica o morale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché sono molto buona (e detto tra noi, son stata molto attenta a non avvicinarmi al giallo fosforescente!)

      Elimina
  6. "Sogno di sabbia" - questo è il nome che m'ispira. ;-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...