venerdì 27 settembre 2013

Cagnes-sur-Mer: Musée Renoir

Quello che non sapevo, prima  di arrivare al Musée Renoir, è che il museo è stato allestito nella casa dove il pittore trascorse gli ultimi inverni della sua vita. Durante l'estate preferiva soggiornare a Essoyes, il paese della moglie, dove fu in seguito sepolto.


L'esposizione sfrutta solo tre piani della villa, tralasciando il sottotetto, ma a parte l'aggiunta dell'ascensore sono stati mantenuti tutti gli spazi abitativi originari. 

Grande Laveuse
 Pierre-Auguste Renoir e Richard Guino
Grande Laveuse
 Pierre-Auguste Renoir e Richard Guino


Maternité
Pierre-Auguste Renoir e Richard Guino
1916

C'erano in realtà poche opere dell'artista o comunque meno di quante me ne aspettassi. Numerose erano invece quelle di suoi amici o di altri pittori che hanno voluto rappresentare questi luoghi... 

La maison de Renoir à Cagnes
Fernand Guéry-Colas
1946

L'esterno della villa
Cagnes, le côté ouest vu de l'Hubac en janvier, le soir
Ferdinand Deconchy
1898

Il borgo medievale di Cagnes visto dalla villa

Tra le sue opere, Les grandes Baigneuses

Les grandes Baigneuses
Pierre-Auguste Renoir
1903-1905
Soggetto simile ma tratto molto diverso rispetto al quadro di Renoir che porta lo stesso titolo (in inglese: "The Large Bathers") ma che è conservato al Museum of Art di Philadelphia e datato 1887. Lo potete vedere qui.

Altre opere non ci hanno particolarmente colpito, ma ci siamo perdutamente innamorati della casa, della sua luce e dei panorami che offre.

Sala da pranzo



Sala da pranzo - salotto


Salotto
Panorama
Particolare - tende da sole


Retro





Negli ultimi anni della sua vita, a causa di un'artrite reumatoide che aveva colpito mani e piedi, Renoir fu costretto su una sedia a rotelle. 


Ho letto che continuò comunque a dipingere facendosi legare il pennello alla mano, tuttavia nel video che veniva proiettato sul muro del suo studio, a sinistra, pare fumasse con sufficiente destrezza...




6 commenti:

  1. la casa è splendida, il museo, che per altro non ho visitato, mi pare più un'astuto sfruttamento d'immagine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'impressione è stata la stessa, ma in compenso ho soddisfatto la curiosità :)

      Elimina
  2. Fatta eccezione per il Van Gogh Museum di Amsterdam, i musei "monografici" non riescono mai a coinvolgermi. L'ultima delusione e' stato il Magritte Museum a Brussels. Un bel contenitore per un contenuto diluito!
    Ma nel caso di questo museo hai ragione, la luce e il panorama valgono la visita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che sono stata al Magritte Museum e non me lo ricordo? Probabilmente aveva deluso anche me, devo chiedere a L. se lui ne ha memoria, o spulciare le foto :)

      Elimina
  3. Non avevo mai visto le sculture di Renoir, grazie!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...