mercoledì 6 febbraio 2013

Nizza: Denis Brihat, Photographies 1958 - 2011


Al Théâtre de la Photographie et de l'Image Charles Nègre di Nizza si è tenuta fino al 3 febbraio una mostra su Denis Brihat, un fotografo contemporaneo particolarmente apprezzato perché considerato il vero grande maestro del virage, il viraggio.

Il viraggio in fotografia è "l'operazione (detta anche, meno comunemente, intonazione) mediante la quale i toni grigi e neri di una stampa in bianco e nero assumono un particolare colore: si effettua mediante una reazione chimica che porta a sostituire i granuli di argento metallico (di colore nero) con i granuli di un sale (d'argento o di altro metallo) ovvero di un altro metallo (oro, platino, selenio) ottenendo toni della gamma del verde, del rosso, ecc." (fonte: Treccani)

Altri fotografi americani avevano già iniziato a utilizzare questa tecnica ma - come ci ha spiegato un signore molto affabile che girava tra le stanze coinvolgendo i visitatori con spiegazioni e placidi dibattiti - "Brihat l'ha portata all'eccellenza, combinando tecnica e sensibilità artistica".

La serie dei Coquelicot, ovvero dei papaveri (1981-2000), è stata realizzata con il viraggio all'oro. Spettacolari, vero? Il papavero poi è il mio fiore preferito.



Coeur de pavot, 2000























Coquelicots, 1999









Le cipolle, sempre con il viraggio all'oro
(2003-2009)







Tulipe noir, 1977






Il tulipano nero, con il viraggio al selenio.















 I kiwi, con tirage argentique (stampa alla gelatina ai sali d'argento) e viraggio al ferro-vanadio.





Infine, l'Orchidée (1987)


5 commenti:

  1. Bellissime! Io a giugno faro' un corso su le antiche tecniche fotografiche di sviluppo e stampa! Non vedo l'ora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto di vederne i risultati sul blog allora! :D

      Elimina
  2. Ma dai! E' anche il mio fiore preferito!! Le foto sono bellissime. Ma quante mostre ti vedi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per te è a pari merito con il girasole? :D

      A Nizza siamo stati quasi un mese e avevamo tutti i musei vicini! Ne abbiamo anche lasciato qualcuno volutamente inesplorato, per la prossima volta! :D

      Elimina
    2. Ah, sottolineo anche che sono TUTTI gratuiti - un po' come essere in un lunapark senza code!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...