sabato 30 marzo 2013

Suomenlinna

Sul traghetto per Suomenlinna

A Suomenlinna ci penso dalla fine dell'anno scorso o, ancor meglio, da quando ci sono stata la prima volta tre anni fa (e a lei devo persino il mio breve tentativo di studiare un po' di finlandese).

Di posti magnifici ne ho visti parecchi ma questo è tra quelli a cui mi sono affezionata di più, forse perché il giorno in cui la visitai c'era un vento fortissimo e io nelle giornate ventose mi sento compresa dal mondo tutto. Queste le prime impressioni che riportai sul blog che avevo al tempo:
Suomenlinna. It is one of the most wonderful places I've ever seen. Grey lighted and windy, with seagulls singing and waves moving constantly against its cliffs, it was just amazing and I hadn't thought it would be like this when I'd seen the photos on the web. 
Few people were there, M. told me it was for the weather: it's going to be colder and colder as the winter comes. We were on grass covered hills right above the sea, which were sort of secret doors to dark underground corridors. Ackward: a place which once was a military strategic spot for three countries, it's nowadays similar to a Tolkien's hobbit village. I'm going to go back there tomorrow, alone. Just to spend time sitting by the seaside where the wind blows higher - the thing which mostly lets me feel completely alive.


Suomenlinna

Suomenlinna
Si trova su un arcipelago di fronte alla città di Helsinki e, come scrivevo allora, non è proprio un posto "pacifico", poiché si tratta in realtà di una fortezza che, grazie alla sua posizione strategica, è stata contesa nei secoli da Finlandia, Svezia e Russia. Nel 1991 comunque l'UNESCO mi ha di molto anticipata nel definirla una bellezza, dichiarandola patrimonio dell'umanità. Maggiori informazioni sulla sua storia se ne trovano qui, sul sito ufficiale. 

Oggi l'arcipelago ospita le case di chi vi abita (che io invidio moltissimo), l'Accademia navale, un ufficio doganale e una prigione.

Le foto sono alcune tra quelle che ho scattato quando ci sono tornata nel dicembre del 2011. A riguardarle mi è venuta un'incredibile nostalgia.









Sul traghetto per Suomenlinna

Sul traghetto per Suomenlinna


Sul traghetto per Suomenlinna


Suomenlinna

Suomenlinna

Suomenlinna

Sul traghetto per Suomenlinna

Suomenlinna

9 commenti:

  1. Molto suggestive le foto, anche se - per esperienza personale - so che essere in loco è moooooolto meglio :)

    La Finlandia è un luogo splendido che, tra i suoi difettucci, ha quello di produrre birre di scarsa qualità media. Sfuggono a questa regola alcuni microbirrifici sparsi sopratutto nella parte ovest del Paese (da Turku in su) e, per quanto riguarda Helsinki, il microbirrificio di Suomenlinna (anche ristorante, ottimo). Lascio qui il link, non si sa mai :)
    Ravintola Suomenlinnan Panimo

    Nato e cresciuto a Milano non posso che adorare il vento, proprio perché qui non ce n'è (e quando c'è è una piacevole rarità).
    Quando penso al vento mi vengono in mente sempre due cose: il titolo di un album degli Elend (Winds Devouring Men) e il detto "the stronger the wind, the stronger trees".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, le foto non rendono mai abbastanza - senza contare che io le faccio col cellulare. Il microbirrificio/ristorante me lo sono proprio perso, finendo sempre al bar dove vendono anche i francobolli, vicino all'approdo del traghetto. Molto casereccio, ma meno fascinoso :)

      A Helsinki sei andato nel ristorante dove fanno tutto a base di aglio? . A me piace in generale, ma non ho mai mangiato tanti spicchi come quella sera.

      Elimina
    2. In quel ristorante ci sono stato nel Settembre del 2000. L'aglio, che adoro, è una delle poche cose che non può mai mancare nella mia cucina, ma quell'esperienza è stata particolarmente deludente. Non ricordo tutte le portate che ho preso, ricordo solo l'inizio (antipasto di salmone) e la fine (grappa all'aglio). Credo sia il posto peggiore dove abbia mangiato a Helsinki.
      L'anno successivo sono tornato in città diverse volte, perché la mia ragazza di allora (una Estone) studiava e lavorava lì. Ha tentato più volte di convincermi a ritornarci ma mi sono sempre rifiutato.
      Il mio posto preferito, invece, è il Kellarikrouvi. Se non ci sei mai stata te lo consiglio, so di andare sul sicuro. La prima volta mi ha colpito una specie di involtino con strati alternati di renna affumicata e pollo, poi però non lo hanno più inserito nel menu. Così bene ho mangiato solo in Karelia!

      Elimina
    3. Ma no, io ne ero rimasta così entusiasta! Ci sono andata comunque molti anni più tardi rispetto a te, quindi o sono migliorati con gli anni o hanno cambiato gestione. Certo, è anche possibile che io abbia dei pessimi gusti :D

      Elimina
    4. Probabile che abbiano cambiato gestione allora :)

      Elimina
  2. Ops mi è sfuggito un "the": the stronger the wind, the stronger the trees :)

    RispondiElimina
  3. Ma li invidi davvero? Tipo che proprio ci vivresti? Brrr...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì! Poi l'aria è talmente buona e il freddo talmente pungente che tutte le volte che ci sono andata ho smesso di fumare :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...